Consigli di lettura: amiche nemiche

In occasione dell’uscita prima al cinema e poi su Rai Uno della serie L’amica geniale, tratta dai romanzi di Elena Ferrante, ho pensato di consigliare dei libri a tema. Ossia libri che, come quelli della Ferrante, trattano di rapporti al femminile un po’ travagliati, talvolta traballanti ma sempre segnanti.


PARLARNE TRA AMICI di Sally Rooney


Sally Rooney
ha la mia età e ha scritto questo romanzo celebratissimo dalla critica e dai lettori, fatto che non mi provoca assolutamente nessun sentimento di invidia. Infatti Parlarne tra amici mi è piaciuto ma con riserva (tiè Sally Rooney, tiè). A parte gli scherzi, la Rooney scrive magistralmente, ma alcune cose mi hanno fatto storcere il naso, come la trama. Nel libro le protagoniste Frances e Bobbi, prima fidanzate e poi amiche, si infilano in un pantano di rara vischiosità, infatuandosi rispettivamente di Nick e Melissa, che tra l’altro sono marito e moglie.

Ecco, sarò una persona noiosa, ma io situazioni così non le ho mai incontrate nella vita reale, tanto più che tra tutti e quattro il più pulito c’ha la rogna, nel senso che sono personaggi molto sui generis: perciò non ho riscontrato tutta questa autenticità per la quale la Rooney è stata così decantata. Però c’è stato più di un passaggio che ho sottolineato (e questo è sempre un buon segno), come quelli riguardanti le pippe mentali di Frances (figurati, io sono la regina delle paranoie, qua la mano Frances), le sue insicurezze dovute al fatto che, come cantava la somma poetessa Britney Spears, “I’m not a girl, not yet a woman”, il suo sentirsi invisibile, senza talento e talvolta entrambe le cose. Tutta roba allegra, insomma; ma perlomeno l’ho trovata più verosimile.


VOLIERA ESTIVA di Margaret Drabble


Margaret Drabble
 ha scritto Voliera estiva nel 1963, tuttavia lo stile e la storia del libro, per certi versi, non stridono coi nostri tempi. Anche qui, come in Parlarne tra amici, abbiamo Sarah, una giovane che fatica a trovare il proprio posto nel mondo, e che per quanto spiritosa, carina e in gamba è stata spesso eclissata da sua sorella Louise, una sorta di sfinge dall’allure sofisticata. In effetti Voliera estiva assume talvolta la veste di un romanzo investigativo, in cui Sarah cerca di risolvere il mistero Louise: cosa si nasconde dietro la sua aria languidamente annoiata? E soprattutto perché ha sposato l’odioso scrittore Stephen Halifax quando aveva un fior fiore di pretendenti assai più appetibili?

La risposta è decisamente più semplice di quello che si possa immaginare, o perlomeno lo era per quei tempi. Perché al di là della scrittura moderna e ironica della Drabble, siamo pur sempre nel 1963, e anche se moltissime donne cominciavano a emanciparsi, c’era ancora parecchia strada da fare. Dunque Voliera estiva è da leggere essenzialmente per questo contrasto tra passato (interessante vedere la condizione femminile di quel periodo) e presente (perché è facile ritrovarsi in molte delle riflessioni di Sarah, come questa massima profondamente veritiera: “se non peli tu le patate, nessuno lo fa al posto tuo”).


STUPORE E TREMORI di Amèlie Nothomb


Quanto mi piace lo stile stralunato di Amélie Nothomb (che, come direbbe Poirot, è “belga, non franscese“). Mi piace soprattutto perché, per quanto strampalato, spesso è veritiero: moltissimi libri della Nothomb, infatti, sono autobiografici, e i miei preferiti sono quelli che raccontano la sua permanenza in Giappone, come Stupore e tremori. Qui la giovane nippofila Amélie va a vivere e lavorare, inizialmente pazza di gioia e in seguito… pazza e basta: purtroppo nell’azienda in cui è impiegata viene vessata continuamente, in particolare dalla perfida ed eterea Fubuki, verso cui Amélie sviluppa una tremebonda venerazione. Se ci trovassimo in un qualunque film adolescenziale americano, la protagonista escogiterebbe un modo per mettere in scacco la sua rivale, ma dalla Nothomb potete aspettarvi di tutto tranne che una risoluzione prevedibile: è per questo che la amo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...