Crush musicali: Jimothy Lacoste

Io a Jimothy Lacoste CI VOGLIO BENE.

L’ho scoperto da un mese circa e già provo per lui sentimenti più profondi di quanti ne provi per gente che conosco da anni. Del resto, è difficile non amare un artista come Jimothy, che usa la trap non per cantare di bitch/droga/amici-che-ti-fottono (repeat x3) bensì di valori genuini come la bellezza di godersi pasti sani e impiegare le giornate produttivamente. Georgiche di Virgilio vibes.

Immagine correlata

Sin dal suo primo pezzo “Getting busy” Jimothy ha infatti celebrato la dedizione al lavoro e all’impegno come stile di vita: la sua però non è la classica vocazione da workaholic all’occidentale, tutta stress&competizione, no. Il nostro sa ripartire equamente il tempo destinato al divertimento e quello destinato al lavoro, come si evince dalla seguente strofa: “I’m a busy, friendly guy – So I will say hey but say goodbye“. L’augurio che si fa Jimmy in questa canzone è di diventare più impegnato grazie alle sue “cool rhymes“, e in effetti così è stato: dopo la pubblicazione di Getting busy su YouTube è cominciata la sua ascesa, in quanto pubblico, critica e discografici hanno iniziato a notarlo (anche se secondo me dovrebbe diventare ancora più famoso – e quando lo diventerà ricordatevi di quest’articolo – Sibilla Cumana vibes).

Oltre al marchio “verace&genuino”, la storia di Jimothy ha anche un che di Cenerentolesco: lui è il tipico esempio di chi ce l’ha fatta partendo dal nulla, postando una canzone su YouTube senza grosse pretese, salvo poi venire inaspettatamente scoperto da chi conta (ovvero la mia fantasia preferita di tutti i tempi – ecco perché ho apprezzato il film A star is born). E, altrettanto tipicamente, Jimmy da quando ce l’ha fatta ci propina la formula “non scorderò mai le mie radici”, ma il fatto è che se te lo dice lui ci credi sul serio, data la totale assenza di enfasi demagogica nella sua affermazione. Per esempio Jimothy è nato a Londra ma è di origini latinoamericane, e ci illustra il suo amore verso questa combo cantando semplicemente “Ehy girl, I can speak spanish!“, frase che dà il titolo all’omonimo brano. Stop. Chiaro, pulito, essenziale.

Immagine correlata

Un’altra delle grandi passioni di Jimothy Lacoste – come ci suggerisce il suo stesso nome d’arte – è il magico mondo della moda. Ma il nostro poteva limitarsi a seguire i trend del momento o a infilarsi un’accozzaglia di capi pacchiani con la firma in bella vista (sì, Tony Effe, dico a te)? Se pensate di sì vuol dire che ancora non avete capito niente della persona di Jimothy. Come per tutto, lui possiede uno stile peculiare, divertente e ricercato.

Nel suo brano “Fashion” afferma “I’ve always dressed like a little millionaire” e infatti guardandolo nei video o nelle foto che mette su Instagram (super divertente anche se posta troppo poco) mi viene da definire il suo look “Bill Gates-ish con uno swing in più”, dove la camicia azzurra e i pantaloni dritti color beige indossati da Jimothy sono spezzati da una pelliccia colorata, o da un paio di occhiali pazzi. Jimmy alla sua giovane età ha già capito quello di cui tutti i fashion editor ciarlano sempre: “crea un tuo stile con dei pezzi basici e per valorizzarlo aggiungi degli accessori interessanti, la moda è un gioco, pesca nel vintage”. In particolare quest’ultimo assunto racchiude accuratamente l’estetica di Jimothy Lacoste, sia per quanto riguarda i vestiti sia per i suoi videoclip musicali, i quali sembrano esperimenti anni 2000 fatti con Windows Movie Maker (dopotutto si parlava di “Bill Gates-ish”, no?). Persino le basi delle sue canzoni ricordano le musichette di videogiochi d’antan.

Risultati immagini per jimothy lacoste
Immagine presa dal videoclip “Future Bae

Tuttavia la mente di Jimothy non è completamente ancorata al passato, considerando il suo interesse per temi di cruciale attualità. Basta ascoltare lo struggente brano “Drugs“, in cui chiede alla propria ragazza:

Why you gotta do so many drugs many drugs
Take it easy with your drugs or it can be a loss
You can be my pretty little darlin’ Kate Moss
But take it easy with your drugs or it could be a loss

Il video di Drugs ci mostra anche un inedito Jimmy nelle vesti di un supereroe che prende a calci bustine di droga, celebrando in antitesi uno smaccato amore per le gioie semplici che la vita ci sa dare. Io farei girare questo filmato nelle scuole per diffondere il verbo antidroghe. Nell’attesa che la mia proposta venga accolta, diffondo intanto il verbo generale di Jimothy Lacoste, sperando che anche voi lo possiate amare quanto lo amo io.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...